Ferdinando I

Busti – testata unica – Muzzi SNS_015

Ferdinando I

Copyright:
Foto di Andrea Freccioni. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – Copertina e immagine 1 – Freccioni SNS – DJI_0551
Rodolfo Sirigatti, Busto di Ferdinando I, 1595-1596. Pisa, Palazzo della Carovana

Come i suoi predecessori il granduca Ferdinando I de’ Medici indossa la corazza e un mantello. Quest’ultimo è appuntato sulla spalla destra e termina con un fiocco. Lo spallaccio sinistro, parzialmente oscurato dal bordo della nicchia, presenta un’elegante decorazione zoomorfa – si ravvisa chiaramente un’ala –, mentre al centro dell’armatura è la croce dell’Ordine di Santo Stefano. Il busto del granduca, al quale con ogni probabilità si deve l’ideazione della teoria di ritratti, costituisce la terza effigie della serie e venne eseguito come i primi due dallo scultore e architetto Rodolfo Sirigatti.

Intorno alla prima metà del 1595 si datano gli iniziali stanziamenti dell’Ordine di Santo Stefano relativi all’opera: alcuni riguardano la fornitura del marmo – giunto da Carrara all’arsenale pisano e poi da questo a casa di Sirigatti –, e altri la fattura del modello. Si registra infatti la consegna allo scultore di una «soma di terra d’Arno», presumibilmente per lavorare la terracotta, e il pagamento per il trasporto del modello del busto di Ferdinando nonché di quello di Cosimo «conforme a che piacque a esso Sirigatti» (riferendosi forse, almeno nel caso del primo, al traporto presso la fornace per la cottura). Seguono, entro l’aprile dell’anno successivo, i pagamenti a diverse maestranze: Gino di Stoldo, che con ogni probabilità si occupò di sbozzare il marmo, nel corso di due giorni di lavoro, il lustratore «Chirico» per averlo rifinito e pulito, i muratori che lavorarono alla nicchia, gli addetti al trasporto e alla collocazione del busto e infine l’intagliatore Scipione Malaspina, responsabile del ricco ornamento della nicchia. Quest’ultimo è costituito da volute, conchiglie e festoni di frutta che rimpiazzano il collare del Toson d’Oro, presente sotto i busti di Cosimo e Francesco, giacché Ferdinando non fu mai insignito di questa onorificenza.

A Ferdinando si deve il completamento della conformazione della piazza, così come l’avevano immaginata Giorgio Vasari e il padre Cosimo: sotto il suo regno (1587-1609) fu eretta la facciata di Santo Stefano dei Cavalieri, vennero ultimati il Palazzo della Canonica e quello dei Dodici (allora dei Priori) sul lato sud, e furono costruite le case a schiera del lato ovest e il Palazzo dell’Orologio su quello nord.

Ferdinando fu anche il promotore di una vera e propria strategia di appropriazione politica e culturale dei territori del granducato tramite la diffusione della propria immagine e di quella paterna a Firenze e in altri centri toscani. A Pisa, oltre al gruppo con l’Allegoria della città sollevata dal granduca, eseguita da Pietro Francavilla per la porzione di Lungarno davanti a Palazzo Reale (1593; oggi a Piazza Carrara), fece disporre la propria effigie nelle arterie di collegamento tra il Lungarno e il Duomo: lungo Via Santa Maria vi sono ben tre busti del granduca, rispettivamente sulle facciate del Collegio Ferdinando, del Palazzo dello Stellino e della Pia Casa della Misericordia (oggi Palazzo Quaratesi); in Borgo Stretto ve n’è uno sulla facciata di Palazzo Bocca, e un altro si trova in Via dei Mille, sulla facciata di Palazzo Altini-Buonamici.

 

Copyright:
Foto di Giandonato Tartarelli. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – immagine 2 – Tartarelli SNS – DSC_7860
Rodolfo Sirigatti, Busto di Ferdinando I, 1595-1596. Pisa, Palazzo della Carovana
Copyright:
Foto di Giandonato Tartarelli. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – immagine 3 – Tartarelli SNS – DSC_8131
Rodolfo Sirigatti, Busto di Ferdinando I, 1595-1596. Pisa, Palazzo della Carovana

Media gallery

Copyright:
Foto di Andrea Freccioni. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – Copertina e immagine 1 – Freccioni SNS – DJI_0551
Copyright:
Foto di Fabio Muzzi. ©️ Scuola Normale Superiore
Busti – testata unica – Muzzi SNS_015
Copyright:
Foto di Giandonato Tartarelli. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – immagine 2 – Tartarelli SNS – DSC_7860
Copyright:
Foto di Giandonato Tartarelli. ©️ Scuola Normale Superiore
Busto Ferdinando I – immagine 3 – Tartarelli SNS – DSC_8131
Newsletter

Newsletter

Resta connesso con noi

Iscriviti alla newsletter di Piazza dei Cavalieri
e resta aggiornato sui progressi e sulle novità del progetto.